Due Soci CAI piemontesi in cammino sulla Linea Gotica per "conoscere le radici della nostra democrazia"

Patrizia Adriana Santi e Marco Bernardo hanno percorso, dal 3 al 23 giugno 2017, i 357 km con un dislivello di 17.866 metri positivo e 17.875 negativo da Carrara a Riolo Terme

“Volevamo andare alle radici della nostra democrazia, conoscere i luoghi dove uomini e donne della Resistenza hanno alimentato i valori civili della nostra Costituzione”.

Queste le parole di Patrizia Adriana Santi, di Torino, al termine del cammino lungo la Linea Gotica iniziato il 3 giugno a Carrara e terminato giovedì 23 a Riolo Terme insieme a Marco Bernardo, di Cuneo per un totale di 357 km con un dislivello di 17.866 metri positivo e 17.875 negativo.

In 21 giorni hanno percorso l’intero arco delle Apuane, il crinale dell’Alto Appennino tosco-emiliano fino al Corno alle Scale, hanno proseguito sui monti della Riva e sul Belvedere per raggiungere Vergato, nella Valle del Reno. Lì attendevano il Parco di Monte Sole e le valli del Setta e dell’Idice, il Contrafforte pliocenico, i calanchi del Sillaro e la Vena del Gesso prima di terminare la loro fatica sugli argini del Senio.

Ad accompagnare il loro viaggio le tracce messe a disposizione dagli autori della Cartografia e del Manuale “Trekking Linea Gotica” (L’escursionista, 2017), recentemente pubblicato con il patrocinio del CAI.

Un cammino, quello della Linea Gotica, che per l’alto valore civile, per la varietà e la bellezza dei paesaggi che attraversa, per essere un coast to coast dal Tirreno all’Adriatico e accessibile con i mezzi pubblici in diversi punti del suo sviluppo, ha tutte le caratteristiche per esercitare notevole attrattiva nel panorama dei grandi trekking nazionali.

Continue reading

Per informazioni sul progetto "Trekking Linea Gotica": This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.